Phil Manzanera



album in pagina

- Diamond Head
- Listen Now


collabora in:

- Soupsongs/The Music Of Robert Wyatt
  (AAVV)


- Slow Dazzle
  (John Cale)

- 801 live
- Before And After Science
- Here Come The Warm Jets
- Taking Tiger Mountain

  (Brian Eno)


- Explorers
  (Explorers)


- Live In Gdansk
 
(David Gilmour)

- The End

  (Nico)

- Mainstream
 
(Quiet Sun)


- Roxy Music
- For Your Pleasure
- Sirens
- Flesh And Blood
- Avalon
- Flesh + Blood
- Manifesto

  (Roxy Music)


- Neuromantic
  (Yukihiro Takahashi)


- Shleep

- Cuckooland

  (Robert Wyatt)

Tipico esponente del rock che ragiona su se stesso, anzi sulle sue appendici più kitsch, l'oriundo sudamericano Phil Manzanera vanta un passato di jazz-rockista canterburyano (nel 1970 con i Quiet Sun) e una militanza nei Roxy Music.

Consigliato da due menti del calibro di Wyatt e Eno, che si alternano al canto, prova la strada solista in
Diamond Head (1975), rivelandosi ottimo manipolatore di stupidità, forte di uno stile chitarristico "primitivo", un po' psichedelico un po' kitsch. Ne scaturiscono un demenziale funky brasiliano (Frontera), una jam di jazz-rock minimalista (East Of Echo), uno strumentale ibrido di musica ambientale e di Morricone (Diamond Head), persino un esotico duo tzigano per oboe e chitarra (Lagrima) e sopratutto l'indemoniata filastrocca vaudeville di Miss Shapiro.

Rievoca poi Canterbury nei dischi con gli 801 (
Listen Now e il Live), gruppo aperto con Eno e altri. I ballabili neutri di K-Scope (1978), a parte il rhythm and blues della title-track, indulgono però in un dandismo gigionesco allo strumento, svelando i limiti del suo rock manieristico.

Un disco di sola chitarra,
Primitive Guitars (1982), sorta di diario sperimentale che parte dal folk latino e arriva a Eno, e grande saggio di impossible guitar, chiarirà come la sua vena maggiore sia quella della contaminazione dei ritmi sudamericani: Criollo e Caracas sono fra i capolavori surreali dello strumentale per chitarra.

Piero Scaruffi da
Storia Del Rock (dal Glam al Punk 1974-1980)
1990 ed. Arcana



- Diamond Head
(1975) Polydor 2310 511 - vinile

1. Frontera 4.02 (Manzanera/Wyatt) - 2. Diamond Head 4.30 (P. Manzanera) - 3. Big Day 3.44 (Manzanera/Eno) - 4. The Flex 3.32 (P. Manzanera) - 5. Same Time Next Week 4.45 (Manzanera/Wetton) - 6. Miss Shapiro 6.40 (Manzanera/Eno) - 7. East Of Echo 5.45 (P. Manzanera) - 8. Lagrima 2.27 (P. Manzanera) - 9. Alma 6.48 (Manzanera/McCormick)

Musicians:
Phil Manzanera,
Robert Wyatt, Brian Eno, John Wetton, Paul Thompson, Eddie Jobson, Bob Turrington, Andy MacKay, Sonny Akpan, Doreen Charter, Charles Hoyward, Bill McCormick, Dave Jarrett, Ian McDonald

Produced byPhil Manzanera
Recorded at Island Studio, London
Engineering by Rhett Davies

Sotto certi aspetti è un Quiet Sun Volume 2, un bel progressive d'autore, soltanto un po' più pop, il che consente anche un posto nei Top 40 inglesi.
Quattro brani, Lagrima, Frontera, East Of Echo e Alma, derivano da una lunga composizione dei Quiet Sun del 1971. Corazon Y Alma poi su Rare One, Wyatt presta la propria voce in spagnolo a Frontera, Brian Eno a Big Day, John Wetteon a Same Time Next Week.
Le cose migliori sono però la chitarristica Diamond Head, l'irresistibile Miss Shapiro, lo strumentale Lagrima per chitarra e oboe e East Of Echo, di fatto un avanzo dei Quiet Sun, tutti peraltro presenti, più i tre Roxy Music, Andy McKay, Paul Thompson ed Eddie Jobson.
Cesare Rizzi da The Prog Side Of The Moon ed. Giunti (2010)

- Listen Now!
(1977) Polydor 2310 571 - vinile

1. Listen Now! 7.58 - 2. Flight 19 5.31 - 3. Island 5.18 - 4. Law And Order 4.04 - 5. Que? 1.18 - 6. City Of Light 7.09 - 7. Initial Speed 4.45 - 8. Postcard Love 4.31 - 9. That Falling Feeling 5.09

Musicians:
Phil Manzanera,
Brian Eno, Simon Ainley, Mel Collins, Lol Creme, Tim Finn, Kevin Godley, Eddie Jobson, Billy Livsey, Bill McCormick, Ian MacCormick, Dave Mattacks, Francis Monkman, Simon Phillops, Eddie Rayner, John White

Produced by Phil Manzanera
Recorded at Basing Street Studios, London between December 1975 and July 1977
Engineering by Rhett Davies
Cover painting by Philip Castle