Andrea Polinelli





album in pagina:

-
Visions Of Sylvian




collabora in:

- Poliales Nicandre
  (Nicola Alesini)


- Visions Of Sylvian
(Alfa Project) afpcd 174 - cd

1. Forbitten Colours 4.30 - 2. Orpheus 5.37 - 3. Every Colour You Are 4.19 - 4. Come Morning 6.19 - 5. Midnight Sun 6.43 - 6. Wanderlust 5.00 - 7. Godman 4.05 - 8. Pollen Path 6.07 - 9. Darkest Dreaming 3.25 - 10. Messenger 3.00

Musicians:
Andrea Polinelli, Antonio Magli, Nicola Alesini

Produced by Andrea Polinelli
Recorded at Alpa Music Studio, Rome
Engineering by Alessandro Guardia
Cover by Luca Andreoni

Interpretare la musica di Sylvian in modo coerente e personale ci ha immediatamente  permesso di comprendere quanto potesse risultare affascinante trasferire il pensiero di questo autore al duo sax-piano perchè il duo, pur essendo ambiente meno complesso rispetto rispetto alle possibilità  che può offrire una band al completo, è più consono, nella sua essenzialità, ad affrontare la sfida di rendere l'estetica delle intense composizioni di Sylvian. Considerando che Sylvian  si esprime attraverso i testi  e un proprio sound, non si è trattato di ridurre o adattare qualcosa di preesistente, ma di rielaborare il contenuto dandoglio nuova forma sonora pur mantenendo intatto il messaggio emotivo.

Il punto di partenza è stato un'analisi approfondita del significante nel raccontato di Sylvian i cui testi sono particolarmente ermetici o si offrono a molteplici interpretazioni. Inoltre abbiamo considerato che la carriera più che trentennale di Sylvian spazia dal pop al jazz, alla musica improvvisata contemporanea, per cui abbiamo lavorato su come utilizzare gli elementi musicali di base a disposizione come duo e questa metodica ha aperto un immenso e creativo spazio dove potevamo suonare con grande libertà.

Le melodie da noi eseguite, talvolta simili all'originale, ma mai al punto di trattare i brani come delle semplici cover, sono spesso caratterizzate da un sound particolare del sax, strumento felicemente eclettico e dialogico al punto di comunicare quasi come una voce umana. Abbiamo inoltre cercato di creare colori e atmosfere particolari talvolta cambiando gli accordi dell'armonia originale.

L'elemento ritmico scaturisce dai silenzi, è suggerito dall'andamento melodico (Every Colour You Are, Darkest Dreaming), a volte dall'analisi filologica del pezzo (Midnight Sun, Godman) o appare inevitabilmente presente come risultato di accenti del piano o del sax (Messenger). Nel brano Orpheus, invece,  la trasformazione del ritmo in forma di tempo musicale diverso diventa caratteristica interpretativa primaria e l'atteggiamento più incisivo e latineggiante del piano nella terza parte di Forbitten Colours trasforma la percezione che, a primo ascolto, potrebbe apparire sostanzialmente fedele all'originale.

Grazie al suggerimento di Christopher Young la sequenza delle composizioni sul cd è cronologica.

Infine, grazie all'intensa partcipazione di Nicola Alesini, il brano Come Morning, cofirmato Alesini-Sylvian, si rigenera attraverso la semplicità dell'iterazione e il respiro narrativo strumentale.

Essendo musicisti che in gran parte fondano il proprio fare musica sull'uso di un approccio improvvisato, abbiamo evocato emozione e atmosfera anche attraverso l'uso di linguaggi sia più jazzistici e bluesy (Midnight Sun, Godman), sia pop (Wonderlust), sia attinenti alla musica contemporanea (Pullen Path).

In sostanza Sylvian ha giocato una partita dettando le proprie regole, con le stesse regole noi abbiamo giocato la nostra.
Andrea Polinelli (dalle note di copertina)